biography - Manrico Mologni Artista Official Website

Vai ai contenuti

Menu principale:

biography

Manrico Mologni, artista, cantante, musicista, compositore,autore.

I suoi  dischi come cantante e autore, dagli inizi con la storica "Numero Uno" la casa discografica di
Lucio Battisti e Mogol, sino a quelli recenti.
"Da diversi anni ho il privilegio e l'onore di collaborare con lo straordinario artista francese di fama mondiale
G\'e9rard Depardieu, amico caro e sincero. Iniziammo cantando insieme "Rosa", un grande successo in Francia e in altri paesi"
Le sue canzoni hanno raggiunto i vertici delle classifiche anche interpretate da altri cantanti, come
"Volami nel Cuore" per Mina.

E ancora musica con Jovanotti, Ron,Mario Lavezzi, i Nomadi, Renato Zero, Shel Shapiro, Alberto Radius, Lucio Dalla, Gianni Morandi,  Mogol e altri………
In televisione:  Festivalbar , Domenica In, Disco per l'estate, Premiatissima, Costanzo Show,  30 ore per la Vita, Vota la voce Sorrise e Canzoni, Speciale "Rosa" Tg2 Rai 2 e altre…….
E poi gli anni di "Mi ritorni in mente", le 3 irripetibili  edizioni del Roxy Bar e la sua storica sigla "Canzoni al cielo".
In Francia: Canal Plus, Tf2.

"Le persone, le persone che amiamo, che abbiamo vicino, che ci circondano, che incontriamo, che lasciamo e ritroveremo, queste persone tutte sono ciò che siamo
Mio papà, cantante lirico, tenore mi ha dato per nome Manrico da "il Trovatore" di Giuseppe Verdi, mi ha fatto conoscere e studiare musica; da piccolo andavo a "vedere" le opere liriche, osservavo i teatri, le scenografie, ascoltavo il suono "vero"dell'orchestra,la disposizione sul palco. Appresi tra le altre cose come Donizetti, nato a Bergamo come me, ideò le disposizioni dell'orchestra, ancora attualmente in uso, e  poi la musica classica:Chopin,Beethoven, Mozart……                                                                                                                                                                                                                                                             
Mia sorella diplomata in pianoforte e poi mio fratello  iniziò a suonare  la batteria. Fu lui a portare in casa i primi dischi dei Beatles e io che ero il più piccolo cominciai ad ascoltare anche quella musica, fino a quando verso i 14 anni cominciai a scegliere da solo. Ascoltai  di tutto per conoscere, per capire e allora: Stevie Wonder, Deep Purple, Elton John, Pink Floyd, Ray Charles… e poi a suonare nei dancing Steely Dan,Doobie Brothers,Ten Years After, Santana, ma soprattutto i Beatles e in Italia "Il mio canto libero" di Lucio Battisti e le parole di Mogol, me lo regalarono per Natale, facevo il liceo linguistico. Traducevo i testi inglesi e  quelli francesi .Iniziai a scrivere le prime canzoni e mia mamma era la prima persona che le ascoltava e mi aiutava sempre a capire perché le avessi scritte. Arrivarono glia amori, la maturità, la scelta per l'università e la decisione di suonare, scrivere e cantare. Le esperienze discografiche, le incisioni come  "turnista", le tournée come cantante, chitarrista, pianista, scrivere per altri cantanti-interpreti,  musica dal vivo nei locali, quelli veri in Italia e all'estero dove si suona da Sinatra, Cole Porter, Aznavour,Becaud,J.Brel, Beatles, Police…! A volte anche una "musica per la pubblicità".

Nato il 27 gennaio 1958 a Bergamo, cresce a Milano dove la famiglia si trasferisce.  Studia chitarra, pianoforte e  canto. Si diploma in lingue  presso the Oxford Institute of Milan (traduttore simultaneo in inglese, francese e tedesco) .Nel 73 come cantante e chitarrista   entra a far parte del  gruppo del fratello maggiore Flaviano, .  in quegli  anni  il destino vuole che la sorella Fedora si fidanzi,ancora oggi felicemente sposati, con Gianni Calabria, già affermato batterista. In questo contesto la crescita artistica di Manrico è stimolata e seguita. Inizia a scrivere canzoni con il fratello Flaviano che inizialmente ne cura i testi.

1975 viene notato e  scritturato come cantautore dalla storica  e prestigiosa casa discografica di Lucio Battisti e Mogol, la Numero Uno che produce e pubblica  il suo primo album e 3 singoli , arrangiati da Shell Shapiro, Maurizio Fabrizio e  Zacar  registrati al Mulino e al Castello di Carimate. Con Il secondo singolo "Hai rubato la mia moto/Rossana" link andavano nel 78 comincia a farsi conoscere da pubblico e critica. Facendo parte dela scuderia e secondo il metodo della Numero Uno ha  l'opportunità  di assistere alle registrazioni in studio, alla nascita di canzoni di altri affermati artisti della scuderia quali Ivan Graziani, Bruno Lauzi, Pfm , Alberto Radius,  e altri della Rca quali Lucio Dalla, Ron,F.De Gregori  e ovviamente l'immenso Lucio Battisti e Mogol  con  alcuni  collabora  scrivendo canzoni, in studio ed in concerti dal vivo .
Dopo 5 anni   lascia la Numero Uno per approdare alla Emi   con la produzione artistica, il management e l'agenzia per i concerti di Angelo Carrara , comincia a scrivere le parole, i testi delle canzoni continuando nel contempo la collaborazione con altri autori incluso il fratello Flaviano.Pubblica 2 album e 3 singoli registrati allo studio Radius, il primo arrangiato dallo stesso Manrico "Con e senza cravatta" ottiene un buon riscontro di vendite,( sul Corriere della Sera  Renzo Arbore lo recensisce come uno dei 10 migliori album di quell'anno). Partecipa al Disco per l'estate 1983 su  Rai1 di Gianni Ravera arrivando alla finale  a Saint vincent.. Nel 1984 al Festivalbar  trasmesso da Canale 5 presenta "Immagina un Pianeta" (  nei juke box in  coppia con Battiato/Alice I treni di Tozeur") .  il patron Vittorio Salvetti visto gli ottimi risultati raccolti da   Manrico lo vuole  per molte tappe compresa la serata  finale  all'Arena di Verona. Si classifica al 2°posto sezione giovani..La canzone farà parte anche della compilation del Festivalbar . In autunno la Emi pubblica "Avanti tutta" compilation con tutti i suoi maggiori artisti e con Manrico troviamo Battiato. Alice,Luis Miguel, Nada .
1981 la prima volta al Festival di Sanremo con una sua canzone " Angela")  cantata da Leano Morelli con il quale collabora per anni anche in tournèe.  Si piazzerà ai primi posti nella categoria Big,otterrà un buon successo di vendita e verrà inserita nella compilation del Festival che venderà 1milione di copie.
1984 ancora al Festival di Sanremo con una sua canzone cantata da  Bobby Solo "Ancora ti vorrei " arriverà al 7 posto nei "Big..
1984 scrive per Leano Morelli le canzoni dell'album "Dovevi amarmi così" prodotto da Sandro Colombini per la Ricordi. In studio anche come strumentista al pianoforte, chitarra acustica e cori.
1985 scrive per Fred Bongusto "Attento disc-jockey" che riceverà il disco d'oro per le vendite. Nell'incisione Manrico al piano fender e ai cori.
1986 esce il suo secondo  album per Emi-Target  "Artisti e contadini" prodotto da Angelo Carrara e arrangiato da Massimo Parretti . Partecipa allo show televisivo del sabato sera condotto da Johnny Dorelli Premiatissima su Canale 5 per diverse  puntate presentando  le canzoni di questo album. Riceve il premio della critica. Collabora con altri artisti prodotti da A. Carrara , come autore, in studio e live.

Scrive, arrangia e produce artisticamente  interpreti di altre etichette discografiche quali Leano Morelli, Fred Bongusto, Bobby Solo, Iva Zanicchi ed altri. Spesso le sue  canzoni raggiungono ottime posizioni nelle classifiche di vendita e partecipano a manifestazioni come il Festival di Sanremo, Festivalbar, Disco per l'estate, Azzurro..

In questo periodo , intorno al 84-85  nasce  un nuovo locale per la musica  a Milano in Brera, Il Patuscino. Chiamano Manrico  a suonare e cantare  dal vivo, acustico, pianoforte-voce, chitarra-voce, interpreta  i Beatles. E.John. Stewie Wonder…. Sarà questo il momento  d'oro del locale che   diventerà per  quegli anni il  riferimento delle notti musicali di Milano e non solo. Manrico inizierà una intensa attività live  nei club più prestigiosi e di tendenza del momento tra i quali il Manhattan in Montenapoleone  sempre a Milano,  il Living Room a MonteCarlo , il Bagaglino  a Porto Cervo d'estate ed altri.

Ai tempi della Numero Uno l'avere  scritto canzoni  per bambini  interpretate dall' attore - cabarettista  Lino Toffolo si rivela una esperienza  utile quando  intuisce che le  canzoni  composte un po' per gioco  con il cabarettista Francesco Salvi potrebbero diventare un progetto : realizza i suoi primi provini alla Southern e poi lo produce discograficamente  per  la Target /Emi creando un fenomeno nel genere "demenziale" che raggiungerà le vette delle classifiche di vendita.
Arrangia dischi per artisti emergenti lavorando a quattro mani con Nicola Calgari, fonico e musicista.Nel 90  Insieme preparano un nuovo album di canzoni inedite di Manrico e con la produzione esecutiva di Piero Cassano.
Purtroppo questo progetto si interrompe bruscamente a causa di una improvvisa malattia diagnosticata a Manrico.
" Molto si è detto, anzi altri hanno detto e scritto in merito a questo episodio della mia vita. Purtroppo ancora oggi leggo su internet, oramai da molti anni cose come questa " sopravvissuto miracolosamente a due trapianti di midollo osseo" e trovo sinceramente poco etico ,immorale e terribilmente negativo per quelle persone che purtroppo devono affrontare tali terapie per combattere malattie pesanti, ma non invincibili, dire  che sono sopravvissuto a due trapianti è stupido e denota ignoranza perché appunto i due trapianti mi hanno permesso di sopravvivere ad una malattia, aggiungere che sono sopravvissuto miracolosamente significa delegittimare la scienza, la medicina, la ricerca e chi la pratica e per medicina io intendo in primis quella tradizionale ma non escludo quella definita alternativa, inoltre significa anche non apprezzare lo sforzo e la generosità dei donatori, in questo caso viventi, di midollo osseo e nel mio caso mio fratello Flaviano e per ultimo gli enormi sacrifici fisici e psichici che devono affrontare i pazienti e le loro famiglie. Dire e scrivere da anni  sciocchezze come quella sopra citata significa non sapere cosa sia l'amore non solo per il prossimo, ma l'amore in assoluto".
"Io sono credente e come tale prego anche perché questa stupidità scompaia."

La vita continua e così nel 92 Shell Shapiro  chiede a Manrico una  canzone per il nuovo disco "Anima Fragile"di Valentina Gautier, (RTI_Sony) da lui prodotta , che veniva da un ottimo risultato di vendita del precedente.. Per Shel  la versione cantata da Manrico, con la partecipazione di Valentina, è così entusiasmante che lo  induce  a inserirla nell'album come ospite. (RTI-Sony). In pochissime settimane " E senza te"  diventa un successo radiofonico ed entra nelle classifiche di tutte le radio e network. Forse il lavoro iniziato con Shell alla Numero Uno e con la Southern di Carish si consolidava con questo disco nel 92, chissà…….

Il successo di questa canzone fa incontrare di nuovo Manrico e Mogol,  durante una cena a casa di Angelo Carrara. Iniziano a scrivere canzoni nuove ovviamente con i testi del maestro Mogol e si progetta un disco nuovo. Si ricrea il clima dei primi anni alla Numero Uno. Si lavora intensamente ma con assoluta naturalezza, come potrebbe essere altrimenti? Ma dopo una breve vacanza in Provenza e in prossimità di iniziare a registrare il disco, Manrico deve interrompere forzatamente ancora……………
" E senza te" viene pubblicata anche  come singolo e riscuote ancora più successo e nel  giugno del 93  Manrico torna in televisione a cantarla . Con Mogol, Carrara e Shel scelgono l'invito di Red Ronnie al Roxy Bar che dietro richiesta di Manrico aveva precedentemente dato spazio e informazione sulla donazione e il trapianto di midollo osseo.

L'estate successiva  lavora con Mogol e Mario Lavezzi per il loro album Voci2 pubblicato dalla Ricordi. Il disco che vede la partecipazione in duetto di molti artisti quali Biagio Antonacci, Mango,Luca Carboni stenta a decollare in classifica. Sarà il terzo singolo pubblicato "Splash" cantata con Manrico a lanciare verso le posizioni alte delle classifiche l'album( dal Corriere della Sera Novembre 93 Fegiz scrive: "Voci2…..ci sono Biagio Antonacci, Manrico Mologni(un geniale cantautore), ecc) Inizia così un perido di promozione che vede Manrico con Lavezzi al Costanzo Show dove canterà oltre a Splash altre canzoni dell'album,( come del resto era l'idea iniziale di Mogol,), di nuovo al Roxy Bar, ospiti ad un concerto di Renato Zero a Roma , radio e altre occasioni promozionali.
Nel frattempo Mogol comincia a "costruire" il Cet la sua scuola in Umbria e Manrico aderisce dal nascere al progetto. I viaggi in auto con Mogol Milano- Toscolano , i disegni del progetto, il terreno, i lavori di costruzione, tornava alla mente  "Dove arriva quel cespuglio". Poi l'inaugurazione, i corsi, gli allievi, i saggi, la trasmissione su Rai2. C'erano tutti i presupposti…… ma mancava Lucio!
In questo ambito ha modo di conoscere ed apprezzare Beppe Bertolino, musicista completo e di talento.  

1994 la sua canzone "L'imperatore" ( poi  inclusa  nell'album Canzoni al cielo) è sigla della telenovela di Rete4 "Il diritto di nascere".


Dal 1994 al 1997 Manrico a fianco di Red Ronnie in televisione per : 3 edizioni consecutive del Roxy Bar ,Videomusic/Telemontecarlo, (dal 2004 le repliche su Jimmy Sky),di Mi ritorni in mente Ra1, per anni replicata, Help, 2 edizioni di 30 ore per la vita (canale 5), Tutti i colori del cielo Rai1,  ed altre trasmissioni.  Con il Roxy Bar  vinceranno per 3 volte consecutive  il Telegatto quale migliore trasmissione televisiva musicale. Oltre a esibirsi ogni puntata dal vivo proponendo sue canzoni o performance live con altri  illustri ospiti,( si occupa del Trofeo Roxy Bar, che si può considerare il primo talent show televisivo, con la particolarità che chiunque inviasse materiale, cd, cassette ecc, riceveva riscontro scritto a dimostrazione che si ascoltava veramente tutto, per rispetto e correttezza. Un lavoro enorme ,visto la quantità di proposte, svolto da Manrico. La selezione finale la faceva però Red, per dovere di cronaca.)
Scrive e compone la sigla "Canzoni al cielo" cantata con  Jovanotti, insieme anche nel videoclip.  Da quì prenderà il via la loro collaborazione artistica, in studio e dal vivo, (anche con Michele Centonze,) che continuerà nell'album di Manrico "Canzoni al cielo "e in quello successivo di Lorenzo "L'albero".
Va ricordata la serata dell'ultimo dell'anno 1995 quando a in diretta a rete unificate su Rai1 e Videomusic, dal Roxy Bar Manrico e Jovanotti con  band salutano il nuovo anno con una performance live di "Canzoni al cielo" .

Firma con la Polygram e pubblica l'album " Canzoni a cielo". Durante una puntata del Roxy Bar il suo fans club gli consegnerà il disco d'oro. Alcune canzoni vedono la firma di Mogol per i testi.

Nel febbraio 96 avviene  ciò che per Manrico rappresenta il momento più bello ed importante del suo percorso artistico, professionale e personale,che segnerà l'inizio di una lunga e magnifica collaborazione e amicizia: l'incontro  con Gérard Depardieu, straordinario  artista di fama mondiale, attore,regista, cantante, produttore. " La canzone Rosa la scrissi praticamente subito di conseguenza al nostro incontro. Un mese dopo circa ero a Parigi, Depardieu se ne innamorò,  decise di farne un disco insieme e pubblicarlo prima dell'estate (96).Tornai in Italia, entrai in studio di registrazione ma Depardieu ed io non eravamo soddisfatti dell'arrangiamento , venne in Italia appositamente per sentire la registrazione. Così cambiammo tutto,arrangiatore, musicisti, studio di registrazione  in Italia e trasferimmo gran parte del lavoro a Parigi, quindi nuovi studi, nuova casa di produzione e casa discografica , Sony. Non fu facile però per me liberarmi dai contratti precedenti, mi misero molti bastoni tra le ruote, in pratica mi tennero fermo  in modo tale da impedirne il  progetto e non solo…… Non riuscirono ma lo ritardarono e ciò rappresenta sempre una difficoltà per un artista e un vantaggio per  qualcuno…. Comunque il disco usci alla fine del 97 ovviamente nella versione che ci piaceva, funzionò perfettamente e fu un grande successo.  Da allora collaboro  artisticamente e professionalmente con Gérard Depardieu  e siamo diventati amici, ma di quelli veri e questa volta non mi sono sbagliato!!!!!!!!
Non serbo rancore per quelle persone, solo tristezza per le loro vite, perché vivendole come fanno non le vivono"


l 96 esce "Volami nel Cuore"  cantata da Mina, scritta  da Manrico , arrangiata dallo stesso con la collaborazione di  Massimo Parretti e prodotta dall'editore  Maurizio Carisch. Un successo strepitoso di vendite e radiofonico, per settimane al primo posto di tutte le classifiche. Verrà  scritto  nel libretto di Mina-Platinum Collection nel 2004:
" Volami nel cuore. Scritta da un autore di talento, Manrico Mologni. Mina la lancia come singolo di punta di "Cremona". Una scelta che si rivela vincente, visti i trionfali esiti radiofonici del brano e il grande successo di vendite.
La versione cantata da Manrico  sarò riproposta fedelmente nella interpretazione della cantate, sarà  un grande successo, anche internazionale nella versione spagnola,(Vuela por mi vida), diventerà un classico del repertorio e del catalogo dell'artista, venderà oltre 1milione di copie
Al  Cap studio di Gianni Prudente nei primi anni 80 l'editore Maurizio Carisch figlio di Alberto conosce Manrico e gli propone una  collaborazione con la loro casa editrice Southern in qualità anche di consulente artistico, arrangiatore. Nel 1984  viene creato appositamente un nuovo studio di registrazione presso gli uffici Soedi. Da qui usciranno alcune canzoni  scritte da Manrico diventate successi come appunto  Volami nel cuore,  E senza te, Buone Vacanze ( Drive in tv).  
96 Durante l'estate in concerto   senza la sua band ma "solo" al pianoforte e chitarra. La formula scelta si rivela giusta tanto da indurre i Nomadi a volerlo come ospite nel loro tour estivo
Da allora Sostiene e partecipa come artista ad eventi a favore dell'Associazione Augusto per la Vita organizzati da quella persona eccezionale che è Rosanna Fantuzzi moglie del grande Augusto e presidente dell'Associazione.

Nel 97 firma una esclusiva editoriale con la Ricordi come autore e compositore e da allora si affida per la consulenza editoriale alla Music Publishing Management di Gianni Bortolli.
Esce per la Target-Polygram l'album "Una canzone, una storia" che contiene alcune fra le migliori produzioni di Angelo Carrara (Ligabue, Finardi, Bertoli, Concato ecc) e vede presente anche Manrico .

Inizia a lavorare per il nuovo album di Renato Zero che dice " con Volami nel cuore hai ridato a tutti noi la Mina che amiamo "
Nascono  nuove canzoni, si registra ma il progetto resterà nel cassetto,,,,,,chissà forse un giorno. Resta comunque una bellissima esperienza artistica e personale..

97 al Festival di Sanremo con  Valeria Marini ( Alfonso Signorini. Chi del febbraio 97)per  trasmissione musicale per circuito reti private Honolulu Baby (autore e conduttore). Manrico incontra Massimo Ranieri, Valeria Marini, Neck, Fausto Leali ed altri.

97  a Parigi per  registrare in duetto con lo straordinario Gerard Depardieu  la canzone "Rosa" scritta  da Manrico che ne cura anche la produzione artistica e le edizioni con la sua società "Il trovatore". Il disco, pubblicato nel 1998  dalla  Sony France viene  distribuito in  Europa e America del Nord,  vista la presenza di un artista di fama mondiale quale  appunto Depardieu. In Francia e in altri paesi  riscuote un grande successo. La promozione del disco, radio, tv e la produzione del video lo impegneranno per molti mesi..
In Italia il TG2 Rai darà ampio spazio all'evento con varie edizioni e con uno speciale curato da Michele Bovi
Conseguentemente  esce  per il mercato francese  l'album "Canzoni al cielo".
Da allora  e ancora oggi l'attività artistica e professionale di Manrico si svolge spesso  in Francia,  collaborando con Gérard Depardieu  e la sua casa di produzione per occasioni sempre di altissimo livello. Si fa conoscere e apprezzare artisticamente e personalmente da altre figure di spicco del panorama artistico francese e internazionale.

98 esce Mina-Studio Collection che include come canzone trainante "Volami nel cuore" e raggiunge i primi posti in classifica vendite.
98 comincia un periodo di collaborazione come autore e compositore per Ron   e la sua casa discografica Le foglie e il vento, anche come  produttore per nuovi artisti.
2000/2001 partecipa all''album  "Cuori di vetro" di Ron e  alla successiva tourneè teatrale  come musicista al pianforte, tastiere, chitarra acustica e cori e consulente artistico.
Il disco e la tourneè riscuotono un grande successo e rilanciano Ron.  Ogni concerto del tour vede un ospite, Jovanotti, De Gregori, Dalla.
Così nascerà l'idea del tour estivo con Ron, P.Daniele, De Gregori, Mannoia.


2003  Manrico ha l'onore e il privilegio di essere invitato come unico cantante  ad  un evento televisivo  importantissimo : a Parigi una serata speciale di Gérard Depardieu dedicata  al grande maestro del cinema e della cultura  francesce Maurice Pialat ( insieme hanno vinto anche la Palma d'oro a Cannes nel 87 con il film "Sous le soleil de Satan"),L'evento trasmesso  in prima serata da Canal Plus sarà seguito da diversi milioni di spettatori e commuoverà la Francia.

2004 Esce Mina -Platinum collection (Emi ) include Volami nel Cuore e supera le 500.000 copie di vendita. Nel libretto del cd è riportato:
" Volami nel cuore. Scritta da un autore di talento, Manrico Mologni. Mina la lancia come singolo di punta di "Cremona". Una scelta che si rivela vincente, visti i trionfali esiti radiofonici del brano e il grande successo di vendite.

In questi anni spesso alcune sue canzoni   sono cantate nei vari talent show, Amici,X factor ecc. In particolare appunto Volami nel cuore spesso usata come prova finale considerato la difficoltà e la capacità canora che ne richiede l'interpretazione(  Mina  con il suo eccezionale talento vocale rispettò integralmente la versione  a lei proposta cantata da Manrico.. )

Nell'Aprile 2004 viene chiamato da Ron per la sua imminente tournèe  ma deve rinunciare a malincuore per impegni artistici precedentemente presi in Francia.

2004  il canale Jimmy di Sky ripropone le repliche delle puntate del Roxy Bar.

2005 di nuovo con Ron per il disco a favore della ricerca per curare la  Sla.
2006  Scrive  arrangia e produce il disco "Seulement -Chanter" registrato a Parigi e ancora una volta, dopo Rosa, cantato da Manrico in duetto con lo straordinario Gérard Depardieu. Il cd sarà utilizzato  per sostenere e promuovere la nascita dell'Associazione Davide Soligo Onlus.
Presentazione ed intervista al TG2 Rai a cura di Michele Bovi  
2007  Partecipa con la versione spagnola di" Volami nel Cuore "Vuela por mi vida" al disco di Mina "Todavia" che uscirà anche in tutto il mercato del SudAmerica.
2008 Collabora  con A.O.R band francese prodotta da Frederic  Slama,  per un progetto in preparazione  che vede la partecipazione di musicisti internazionali di altissimo livello tra i quali
drum Vinnie Colaiuta (gino vannelli, madonna,billy Joel,sting)
guitar: Steve Lukather from Toto ( elton John,Michael Jackson ecc)
guitar Michael Landau (pink floyd, quincy jones,james t taylor……)
bass Hussain jiffry (Christopher Cross, Sergio Mendes, Pauline Wilson….)

2008  Gérard Depardieu  vuole Manrico  per la realizzazione dello spot pubblicitario della Cirio.
Lo spot vince nel 2009 il premio come migliore pubblicità del'anno.

2008/09  "Volami nel Cuore" diventa un programma televisivo musicale trasmesso da Rai1.

2009 Nasce il progetto "In the English Garden-"ManricoMologni interpreta i Beatles" con una band che vede alla batteria Gianni Calabria, alle tastiere-pianoforte Massimo Parretti, alla chitarra acustica, elettrica e voce Beppe Bertolino,  al pianoforte, chitarra acustica, basso e voce Manrico.

2010 l'album "Artisti e contadini" prodotto da Angelo Carrara che nel 1986 valse a Manrico  un premio della critica è ora pubblicato online da TArgetMultimedia

2011 spot radiofonico: su tutte le radio e networks potrete ascoltare la versione cantata e riarrangiata da Manrico della bellissima canzone napoletana O'Paese do sole utilizzata per la pubblicità "Tengo o core italiano" testimonial Gérard Depardieu per la campagna Cirio regala Fiat


Torna ai contenuti | Torna al menu